Bonus tiroide di 550 euro al mese, controlla i requisiti e chiedilo subito all’INPS

Alcuni lo chiamano bonus tiroide ma in realtà è un vero e proprio assegno di invalidità riconosciuto dall’INPS, ecco come ottenerlo.

L’Istituto di Previdenza si occupa, tra le altre cose, di erogare assegni di invalidità ai soggetti disabili, e dunque che soffrono di gravi problemi di salute psico fisica.

cos'è il bonus tiroide
Chi soffre di problemi alla tiroide ha diritto a un bonus – Eurocasa2000.it

Anche chi soffre di disturbi alla tiroide, però, rientra tra i soggetti che hanno diritto ad alcune indennità. Per ottenerle, ovviamente, il paziente deve rispondere ad alcuni requisiti. Andiamo allora a scoprire cosa serve per avere l’assegno e come richiederlo.

Bonus INPS per le malattie alla tiroide, ecco come ottenerlo

Il bonus tiroide è a tutti gli effetti un assegno di invalidità civile riconosciuto dall’INPS a chi soffre di disturbi della tiroide, e che rientra in determinati requisiti.

I disturbi alla tiroide presi in considerazione ai fini dell’ottenimento dell’indennità sono quattro, e più nello specifico i carcinomi tiroidei; gozzo; ipotiroidismo e ipertiroidismo.

Proprio come per chiedere l’assegno di invalidità, anche riguardo ai problemi alla tiroide è necessario effettuare delle visite mediche che accertino la problematica e poi superare la visita della Commissione INPS, la quale potrà riconoscere una percentuale di invalidità.

Per avere il bonus tiroide, però, è necessario che al soggetto venga riconosciuta una percentuale di invalidità che va dal 74 al 100%. In questi casi può ottenere un assegno mensile che varia da 286 a 550 euro.

Più nello specifico:

  • 286,01 euro: a chi viene riconosciuta un’invalidità dal 74% al 99%;
  • 520,29 euro: ai pazienti che hanno bisogno di continua assistenza e non sono autonomi;
  • 550 euro: a chi viene riconosciuta l’invalidità al 100%.

Da ricordare, dunque, che i soggetti con problemi alla tiroide devono soffrire di una delle quattro patologie sopra riportate e che non è sufficiente l’asportazione della ghiandola per ottenere l’indennità mensile, a meno che questa non sia concomitante con l’invalidità dal 74 al 100%.

Per ottenere l’assegno INPS per le malattie della toroide, la procedura è la medesima che si attiva per richiedere l’assegno di invalidità. Il paziente raccoglie insieme al suo medico curante tutta la documentazione necessaria, poi il medico invia la domanda telematica e si attende il risconto dell’INPS, istituto che può chiedere anche una visita medica di accertamento. Se la domanda viene accolta, il soggetto beneficiario comincia a ricevere l’assegno mensile. In genere l’INPS è molto celere a sbrigare pratiche di questo tipo, e se tutti i parametri sono soddisfatti il soggetto può accedere al bonus entro un paio di mesi.

Impostazioni privacy